Il Progetto

Dante era affascinato dalla molteplicità delle lingue.
Gli piaceva anche giocare con le lingue e i dialetti, tanto che nella Divina Commedia ci sono due scampoli di linguaggi inventati da lui, l’idioma di Pluto (pape satàn pape satàn aleppe) e quello di Nembrotte, il re di Babele che aveva costruito la famosa torre contro la volontà divina e che, appena ha visto arrivare Dante nel suo girone infernale, gli ha rivolto un’invettiva iraconda, minacciosa e incomprensibile: «raphèl maì amecche zabì almi!».
Continua…

  • Dante Poliglotta - La Divina Commedia

Amnesty International e la Corea del Nord

Amnesty International ha diffuso testimonianze inedite e nuove immagini satellitari che rivelano l'ulteriore allargamento di due dei più grandi campi di prigionia (“kwanliso”) della Corea del Nord:  il kwanliso n. 15 e il kwanliso n. 16.  Un ex funzionario di sicurezza del kwanliso 16, il più grande centro di detenzione [...]

Giovanni da Serravalle – 1891

Traduzione in prosa latina di Giovanni de Bertoldi (Serravalle di Romagna, oggi Repubblica di San Marino, 1360 – Fano 1445), noto come Giovanni da Serravalle, frate francescano e teologo romagnolo che tradusse e commentò la Divina Commedia in latino nel 1416. Prima edizione a stampa, in un gigantesco volume, pubblicata a Prato nel 1891.

Capuder – 1991

Traduzione in terza rima di Andrej Capuder (Lubiana 1942), poeta e scrittore sloveno. Prima edizione pubblicata a Trieste nel 1991. Illustrazioni di Valentin Oman (Villach 1935), pittore austriaco di lingua slovena.

Coşbuc – 1925

Traduzione in terza rima di George Coșbuc (Hordou, oggi Coșbuc, 1866 – Bucarest 1918), poeta, traduttore, insegnante e giornalista rumeno. Prima edizione, in tre volumi, pubblicata a Bucarest nel 1925, con il commento di Ramiro Ortiz [...]

Sfoglia tutte le traduzioni >>

Hripsime Rita Mkrtĉjan

Hripsime  Rita Mkrtĉjan è nata nella città di Erevan (Armenia) nel 1954.  Ha studiato al Politecnico di Erevan laureandosi in ingegneria energetica e ha lavorato come ingegnere specializzato in scienze dell'energia in un istituto energetico della capitale armena, dirigendone per molti anni un dipartimento.  Si occupa anche di giornalismo, musica, [...]

ITALIANO – Alessandra Mandese

Alessandra Mandese è un'attrice italiana, è nata a Taranto e vive a Brindisi.  Ha conseguito il diploma di Attrice di prosa presso la scuola triennale di “Espressione ed Interpretazione Scenica” del Teatro Pubblico Pugliese di Bari, diretta da Orazio Costa Giovangigli (vincitrice di borsa di studio).  Contemporaneamente ha frequentato il [...]

OCCITANO PROVENZALE – Rosella Pellerino

Mi chiamo Rosella Pellerino. Sono nata nel 1972 e ho sempre abitato a Borgo San Dalmazzo, un comune della Valle Stura – provincia di Cuneo –  nell’Occitania alpina. Il dialetto piemontese diffuso in quella zona, affine a quello parlato dalla mia famiglia paterna, ha accompagnato i miei anni d’infanzia, mescolato [...]

Sfoglia tutte le voci di Francesca >>

PUGLIESE GARGANICO – Francesco Granatiero

Francesco Granatiero (Mattinata 1949) da piccolo aiuta il padre nel duro lavoro dei campi montani, parlando il dialetto apulo-garganico della sua terra, un neovolgare non dissimile da quello degli Apuli che per Dante, nel De Vulgari Eloquentia (I, XII, 7), «turpiter barbarizant». A quindici anni, mentre già scrive poesie, perde [...]

GEORGIANO – Erekle Shildeli

Erekle Shildeli è nato ai tempi della guerra civile georgiana a Tbilisi, capitale della Georgia, nel 1991. La sua famiglia è originaria di Shilda, un villaggio georgiano nella municipalità di Kvareli, situata ai piedi del versante meridionale del Caucaso Kakheti.

Sfoglia tutte le voci di Ulisse >>

E ‘l modo ancor m’offende

Uno spettacolo teatrale d’impegno civile sul grave problema del femminicidio e della violenza sulle donne, che non a caso prende le mosse dai versi di Dante dedicati a Francesca da Rimini e che si dipana attraverso il dialogo tra un professore un po’ eccentrico e una volonterosa signora che aspira a diventare docente di educazione all'affettività e all’uguaglianza di genere […]

Glottide

Si tratta del monologo “Glottide – Escursione semiseria nelle traduzioni della Divina Commedia, che è stato rappresentato negli ultimi anni più volte e in varie località

La Diritta Via

Si tratta dello spettacolo di teatro civile “La Diritta Via – La Costituzione e Dante Alighieri senza distinzioni di razza né lingua” di e con Giuliano Turone e, al pianoforte, Mirko Lodedo. Musiche originali di Mirko Lodedo. Regia di Enrico Messina.