Angela Cataluddi, è originaria di San Nicandro Garganico, una piccola città del nord della Puglia nella penisola del Gargano. Angela proviene da una lunga e poliedrica formazione artistica che comprende le arti musicali del canto lirico, del violino e del pianoforte. Compie in contesti internazionali percorsi che le permettono di arricchire le percezioni e visioni del mondo e delle proprie origini mediterranee. Studia e canta in Inghilterra, Francia, Italia, Svizzera, Spagna e Lussemburgo. A suo agio tra lingue e dialetti differenti, è bilingue (italiano e inglese) e parla correntemente anche il francese. Cresce a Ferrara, ma il suo dialetto di sempre è quello della città delle antiche origini: San Nicandro Garganico. Angela Cataluddi ha un rapporto di dialogo profondo e a tratti conflittuale con le parole e con la parola. Le esperienze teatrali, il canto, ma anche l’insegnamento sono i luoghi privilegiati d’esplorazione e ispirazione dei suoi atti di scrittura poetica.

——-
Angela Cataluddi ha prestato la sua voce a Francesca da Rimini e ha letto i relativi versi (Inferno, Canto V, 88-142) nella traduzione in pugliese garganico di Francesco Granatiero.
Per ascoltare questa lettura, cliccate qui sotto:

Per leggere i versi mentre si ascolta la lettura, cliccare qui e azionare il collegamento audio dalla pagina del testo.
——-