Gustavo Doré, Caronte (Inf., III, 82-129), con didascalia in arabo.