Archivi annuali: 2017

Home/2017
26 Dic 2017

Giovanni da Serravalle – 1891

Di |2020-04-01T16:29:32+02:0026 Dicembre 2017|Edizioni, Latino|0 Commenti

Traduzione in prosa latina di Giovanni de Bertoldi (Serravalle di Romagna, oggi Repubblica di San Marino, 1360 – Fano 1445), noto come Giovanni da Serravalle, frate francescano e teologo romagnolo che tradusse e commentò la Divina Commedia in latino nel 1416. Prima edizione a stampa, in un gigantesco volume, pubblicata a Prato nel 1891.

12 Ott 2017

Messaggio di Ulisse a Israeliani e Palestinesi

Di |2020-04-01T17:00:07+02:0012 Ottobre 2017|2021 – L’anno di Dante|0 Commenti

Fatti non foste a viver come bruti, ma per seguir virtute e conoscenza - Ye were not form’d to live the life of brutes, but virtue to pursue and knowledge high - Vi ne naskiĝis por vegeti brute, sed por akiri virton, mondan scion

11 Ott 2017

I versi danteschi di Ulisse in una nuova versione ucraina con le miniature di Priamo della Quercia

Di |2020-04-01T17:01:14+02:0011 Ottobre 2017|2021 – L’anno di Dante|0 Commenti

La nuovissima traduzione dell’Inferno in lingua ucraina di Maxim Strikha è stata pubblicata a Leopoli nel 2013. ed è illustrata con le miniature di Priamo della Quercia (Siena 1400-1467), tratte dal Codice Senese Manoscritto Yates Thompson 36 conservato presso la British Library di Londra. In questa pagina presentiamo la miniatura di Priamo della Quercia relativa all’incontro di Dante e Virgilio con Ulisse e i relativi versi 90-142 del canto XXVI dell’Inferno tradotti da Strikha. ----

23 Apr 2017

Premessa (inglese)

Di |2020-04-01T17:01:23+02:0023 Aprile 2017|Inglese|0 Commenti

All’epoca di Dante l’Inghilterra, che era governata dai Plantageneti, rappresentava per Firenze un’importantissima direttrice di scambi commerciali, tanto che a Londra i fiorentini possedevano una succursale di un banco di cambio. Nella Divina Commedia si fa spesso riferimento a personaggi ed episodi della storia britannica, al punto che alcuni illustri dantisti inglesi dell’Ottocento si convinsero che Dante avesse visitato Londra e avesse addirittura soggiornato per ragioni di studio a Oxford. L’ultimo sostenitore di questa tesi, che però i dantisti di oggi ritengono infondata, è stato [...]