Francesca da Rimini — Poema sinfonico di Chaikovskij in tre parti
andante lugubre – andante cantabile – allegro vivo
Moskow Radio Symphony Orchestra
Diretta da Vladimir Fedoseyev
Alte Oper, Frankfurt, 1991
(Da You Tube)

Francesca da Rimini (op. 32) è una fantasia sinfonica in Mi minore di Pëtr Il’ič Čajkovskij. Il soggetto è tratto dall’episodio di Paolo e Francesca del Canto V dell’Inferno di Dante Alighieri.
Composta in meno di tre settimane dopo un viaggio a Bayreuth durante il quale Čajkovskij aveva ascoltato per la prima volta L’anello del Nibelungo di Wagner, la partitura fu terminata il 17 novembre 1876 e fu eseguita in prima assoluta a Mosca il 25 febbraio 1877 sotto la direzione di Nikolaj Rubinštein.

La partitura, che reca la dedica all’allievo Sergej Ivanovič Taneev, fu edita da Jurgenson, a Mosca, nel 1878.
La fantasia è articolata in tre parti, secondo una struttura ABA.
La sezione iniziale rappresenta “La bufera infernal che mai non resta” (Inferno, V, 31), ossia il vento che trascina con violenza, di qua e di là, le anime dannate dei lussuriosi.
La sezione centrale è il canto d’amore di Francesca, affidato dapprima al clarinetto solista e sviluppato poi, secondo un procedimento tipico di Čajkovskij, per accumulo di materiali sonori, fino ad esiti parossistici.
Il suono dei corni richiama infine i protagonisti alla realtà infernale:  il tempo della confessione e del ricordo è finito, per gli amanti ricomincia l’eterno tormento.

(Fonte Wikipedia)