Antica mappa dell'Istria

Nel Canto IX dell’Inferno le tombe di un’antica necropoli di Pola e le tombe romane di Arles vengono paragonate da Dante ai numerosi avelli infuocati del sesto cerchio, dove giacciono gli eretici. La similitudine dà al poeta l’occasione per definire i termini della regione italiana, là dove sono bagnati dalle acque del Carnaro. Si riportano i versi relativi nell’originale e nella traduzione istriana di Bruno Crevato-Selvaggi (Inferno, Canto IX, versi 112-117).

Sì come ad Arli, ove Rodano stagna,
sì com’a Pola, presso del Carnaro
ch’Italia chiude e suoi termini bagna,
fanno i sepulcri tutt’il loco varo,
così facevan quivi d’ogne parte,
salvo che ’l modo v’era più amaro…

 Cussì anca ad Arli, andò ‘l Rodàno stagna,
cussì anca a Pola, tacada a ‘l Carnaro
c’Italia sera e i su’ tèrmini bagna,
duto el teren fa i sepulcri desparo;
cussì fazeva là quel arche sparse,
salvo el vivo dolor sinsa riparo…