Il Progetto

Dante era affascinato dalla molteplicità delle lingue.
Gli piaceva anche giocare con le lingue e i dialetti, tanto che nella Divina Commedia ci sono due scampoli di linguaggi inventati da lui, l’idioma di Pluto (pape satàn pape satàn aleppe) e quello di Nembrotte, il re di Babele che aveva costruito la famosa torre contro la volontà divina e che, appena ha visto arrivare Dante nel suo girone infernale, gli ha rivolto un’invettiva iraconda, minacciosa e incomprensibile: «raphèl maì amecche zabì almi!».
Continua…

  • Dante Poliglotta - La Divina Commedia

Amnesty International e la Corea del Nord

Amnesty International ha diffuso testimonianze inedite e nuove immagini satellitari che rivelano l'ulteriore allargamento di due dei più grandi campi di prigionia (“kwanliso”) della Corea del Nord:  il kwanliso n. 15 e il kwanliso n. 16.  Un ex funzionario di sicurezza del kwanliso 16, il più grande centro di detenzione [...]

Rinon – 2013

Traduzione di Yoav Rinon, professore presso il Dipartimento dei classici e delle letterature comparate dell'Università ebraica di Gerusalemme. Traduzione limitata al solo Inferno, con ampio commento in volume a parte. Edizione pubblicata a Tel Aviv nel 2013.

Abboud – 2002

Traduzione dell'intero poema di Hannah Abboud, pubblicata a Damasco (Siria) nel 2002. Copertina Frontespizio Incipit dell'Inferno

Premessa (latino)

Tradurre la Divina Commedia in latino? Forse rimase un po’ perplesso anche il vescovo Giovanni Bertoldi da Serravalle quando, durante il concilio di Costanza, alcuni suoi colleghi britannici lo invitarono a compiere quell’impresa. Ma poi finì per accettare [...]

Sfoglia tutte le traduzioni >>

GEORGIANO – Liana Patarava

Liana Patarava è nata nel 1963 a Ozurgeti, città della regione Guria, una bella regione montuosa della Georgia occidentale. Si è laureata in economia all’Università statale di Tbilisi. È sposata e ha tre figli e due nipotini. Ama l’arte, la poesia e la scrittura ed ha anche un’educazione musicale: il [...]

UCRAINO – Svitlana Hlazunova

Mi chiamo Svitlana Hlazunova. Sono nata nel 1962 a Cherson, una città dell’Ucraina meridionale. Fin da piccola ho avuto una grande passione per la musica, trasmessami dai miei genitori. Durante il percorso scolastico ho frequentato la scuola di musica e nel 1978 ho ottenuto il diploma di pianoforte. Nel 1983 [...]

FRANCESE – Ghislaine Avan

Ghislaine Avan è un’artista multidisciplinare francese, nata a Châtellerault. Coreografa, ballerina di tip-tap e di danza contemporanea, operatrice e montatrice video, fa della sua arte un percorso di vita. Nel 2006 ha iniziato un lavoro multimediale basato sulla Divina Commedia, lavoro da cui è derivato il progetto “Le LA du Monde“, che comporta un numero altissimo di letture di brani del Poema nelle lingue più disparate. Per questo sito, Ghislaine ha prestato la sua voce a Francesca e ha letto i relativi versi nelle traduzioni francesi di André Pératé e di Lucienne Portier.

Sfoglia tutte le voci di Francesca >>

SPAGNOLO – Giampaolo Samà

Giampaolo Samà è un attore, docente e fotografo italo-argentino. Nato a Paola (CS) nel 1970, si forma come attore presso l’Accademia di Arte Drammatica della Calabria e successivamente nella Akademia Teatralna di Varsavia. Nel 1996 partecipa allo spettacolo “Sidá e l’uomo dal fiore” (Premio ”Vetrine” - Ente Teatrale Italiano). Si [...]

COREANO – Chul-Ho Cho

Cho Chul-Ho è un medico coreano nato a Seoul (Corea del Sud) nel 1955 e vive in Italia dalla metà degli anni Ottanta. Ha conseguito nel 1983 la laurea presso la facoltà di Medicina orientale dell’Università Kyung Hee di Seoul, famosa a livello internazionale per l'agopuntura, e nel 1989 presso [...]

FRIULANO – Aurelio Venuti

Aurelio Venuti Aurelio Venuti è nato a Reana del Rojale (Udine) nel 1945; si è laureato in Lettere ed ha insegnato per quarant'anni nelle scuole del Friuli. Fin dagli anni del liceo ha elaborato un sistema molto personale di lettura dei classici, consistente nella traduzione dei testi in [...]

Sfoglia tutte le voci di Ulisse >>

Dante e Cechov in esperanto

La versione in esperanto del monologo “Glottide”, rappresentata il 3 agosto 2006 a Firenze al Congresso mondiale di esperanto.