Nereo Zeper nasce a Trieste nel 1950.  Già da bambino si avvicina alla musica, imparando a suonare il clarinetto.  A tredici anni legge Salvatore Quasimodo e Umberto Saba e scrive le prime poesie.  Dopo il diploma si iscrive alla facoltà di Lettere e Filosofia dell’Università di Trieste, dove si laurea nel 1976.

Sul versante sportivo, negli anni universitari, è attratto dall’alpinismo e dall’arrampicata su roccia, partecipa alle attività del CAI (Club Alpino Italiano) di Trieste e compie varie salite nelle Dolomiti.

Sul versante musicale, nei primi anni Ottanta fa parte  del Coro del Conservatorio Tartini di Trieste e partecipa a una decina di concerti.

Nel 1977 si impiega presso la Sede Rai (Radio Televisione Italiana) di Trieste come assistente alla regia. Apprende il mestiere collaborando alla produzione di radiodrammi con registi come Amodeo, Pressburger, Bolchi, ed altri.  Nel 1990 passa alla mansione di regista e dirige una serie di radiodrammi con attori come Paolo Ferrari, Valeria Valeri, Omero Antonutti ed altri, realizzando anche documentari televisivi, spesso di argomento alpinistico, tra cui nel 1998 Gli uomini e le montagne – Alpinisti del Friuli Venezia-Giulia, che partecipa al Filmfestival di Trento.

Nel 1999  realizza per la RAI la riduzione televisiva del suo film Ladro di Montagne, che ottiene il premio “Genziana d’argento” quale miglior film di montagna al festival cinematografico “Città di Trento” e il premio del Club Alpino Svizzero al Festival Cinematografico Internazionale di Les Diablerets.

Nel 2007 scrive, dirige e interpreta, al Castello di Duino e all’auditorium di Gorizia, Omaggio a Berto, uno spettacolo in occasione del cinquantenario della morte del grande poeta triestino Umberto Saba.

Frattanto, dedicandosi ad alcune trasmissioni televisive in dialetto, ha modo di approfondire la conoscenza del vernacolo triestino. E’ così che matura la decisione di tradurre in triestino l’Inferno di Dante. Questa pregevole traduzione, in terza rima, viene pubblicata a Trieste nel 1999.  Segue, nel 2013, la traduzione del Purgatorio.

Il sito internet di Nereo Zeper:  http://www.nereozeper.it.

——-

Nereo Zeper ha prestato la sua voce a Ulisse e ha letto i relativi versi (Inf., XXVI, 90-142) nella traduzione in triestino curata da lui stesso.

Per ascoltare questa lettura, cliccate qui sotto:

Per leggere i versi mentre si ascolta la lettura, cliccare qui e azionare il collegamento audio dalla pagina del testo.

Ascoltate altre due letture dantesche di Nereo Zeper in triestino:  Inferno, Canto V (Paolo e Francesca) e Inferno, Canto XXXIII (Conte Ugolino)