Laura Ghio vive e lavora a Genova dove si occupa da molti anni di economia, porti e trasporti, prima all’interno della Facoltà di Economia  e attualmente presso l’Autorità Portuale come responsabile della pianificazione strategica. Da molti anni coltiva la passione per il teatro, sviluppatasi a partire dai corsi organizzati da Enrico Campanati. Prestata al teatro dialettale non professionista, dal 2002 porta avanti progetti e spettacoli con la compagnia Piesintöa (Teatro a Tavola) che, insieme alla tradizionale offerta di pezzi per il teatro, ha l’obiettivo di portare brevi atti unici nell’ambito di eventi, associazioni e cene, con lo scopo di diffondere la lingua genovese.

Piesintöa ha portato, con ottimi successi di critica e pubblico, i suoi spettacoli nella programmazione di diversi teatri genovesi: Teatro Garage, Il Sipario Strappato, Gilberto Govi, Albatros, Teatro di Davagna. In calce a questa pagina pubblichiamo la locandina di Dôi pe doì (“Dolori per due”), uno degli spettacoli di maggior successo. Per leggerne la recensione del Secolo XIX cliccare qui.

Il genovese degli spettacoli rappresentati restituisce un uso moderno del Genovese che non vuole ripercorrere la tradizione della commedia dialettale ma offrire occasioni per scoprirlo sotto una nuova luce.

——-

Laura Ghio ha prestato la sua voce a Francesca da Rimini e ha letto i relativi versi (88-142) nella traduzione in genovese di Angelico Federico Gazzo.
Per ascoltare questa lettura, cliccate qui sotto:

Per leggere i versi mentre si ascolta la lettura, cliccare qui e azionare il collegamento audio dalla pagina del testo.

——-