Miłość, co łatwo serc zacnych się chwyta,
Skuła go czarem mej ziemskiej postaci;
Wzdrygam się, pomnąc, jak była zabita.
Miłość, co zawsze miłością się płaci,
Tak mi kazała w nim podobać sobie,
Że go nie zgubię już ni on mię straci….

Amor che nullo amato amar perdona….

Dante si riferisce indirettamente alla Polonia nel settimo canto del Purgatorio, quando tiene a precisare che re Ottocaro II di Boemia fu un sovrano migliore di suo figlio Venceslao II, che gli successe al trono dal 1278 al 1305, e che negli ultimi cinque anni fu anche re di Polonia.

Continua…

Visitate la pagina web di Elżbieta Karczewska, che ha prestato la sua voce a Francesca da Rimini e ha letto i relativi versi (Inf., V, 88‑142) nella traduzione  in polacco di Edward Porębowicz.