Il Progetto

Dante era affascinato dalla molteplicità delle lingue.
Gli piaceva anche giocare con le lingue e i dialetti, tanto che nella Divina Commedia ci sono due scampoli di linguaggi inventati da lui, l’idioma di Pluto (pape satàn pape satàn aleppe) e quello di Nembrotte, il re di Babele che aveva costruito la famosa torre contro la volontà divina e che, appena ha visto arrivare Dante nel suo girone infernale, gli ha rivolto un’invettiva iraconda, minacciosa e incomprensibile: «raphèl maì amecche zabì almi!».
Continua…

  • Dante Poliglotta - La Divina Commedia

Verità per Giulio Regeni

Alla notizia del ritrovamento, al Cairo, del corpo del ricercatore italiano Giulio Regeni con segni di tortura, Amnesty International Italia, sollecita il Governo italiano affinché solleciti a sua volta quello egiziano a chiarire al più presto le modalità del drammatico episodio. [...]

Turčány – Felix – 1982

Traduzione in lingua slovacca del Purgatorio in terza rima di Viliam Turčány e Jozef Felix. Prima edizione pubblicata a Bratislava nel 1982.

Premessa (arabo)

Una pagina dell'Almagesto in arabo Dante non conosceva la lingua araba e non poteva avere conoscenza della letteratura arabo-islamica medievale, che ai suoi tempi non aveva contatti con la cultura medievale cristiana. Vi erano però, a quell’epoca, rilevanti rapporti di reciproca influenza tra mondo arabo e mondo cristiano [...]

Dalla Piazza – 1848

Traduzione dell’intero poema in esametri latini dell’abate Gaetano Dalla Piazza (Valdagno 1768 – Schio 1844), ecclesiastico e umanista vicentino. Edizione pubblicata a Lipsia nel 1848 con un’introduzione, essa pure scritta in latino, del dantista tedesco Karl Witte.

Sfoglia tutte le traduzioni >>

COREANO – Susanna Kwon

Susanna Kwon (Kwon Soo-Jung), soprano, si è laureata presso l'Università Musicale di Seoul e dal 1995 risiede in Italia dove si è perfezionata con C. Castellani, R. O. Malaspina, N. Palacios, R. Kabaivanska e G. Scalchi. Vincitrice di concorsi internazionali, costantemente attiva sul versante concertistico, ha inciso per le case [...]

ITALIANO – Alessandra Mandese

Alessandra Mandese è un'attrice italiana, è nata a Taranto e vive a Brindisi.  Ha conseguito il diploma di Attrice di prosa presso la scuola triennale di “Espressione ed Interpretazione Scenica” del Teatro Pubblico Pugliese di Bari, diretta da Orazio Costa Giovangigli (vincitrice di borsa di studio).  Contemporaneamente ha frequentato il [...]

OCCITANO PROVENZALE – Rosella Pellerino

Mi chiamo Rosella Pellerino. Sono nata nel 1972 e ho sempre abitato a Borgo San Dalmazzo, un comune della Valle Stura – provincia di Cuneo –  nell’Occitania alpina. Il dialetto piemontese diffuso in quella zona, affine a quello parlato dalla mia famiglia paterna, ha accompagnato i miei anni d’infanzia, mescolato [...]

Sfoglia tutte le voci di Francesca >>

GEORGIANO – Erekle Shildeli

Erekle Shildeli è nato ai tempi della guerra civile georgiana a Tbilisi, capitale della Georgia, nel 1991. La sua famiglia è originaria di Shilda, un villaggio georgiano nella municipalità di Kvareli, situata ai piedi del versante meridionale del Caucaso Kakheti.

OCCITANO PROVENZALE – Dario Anghilante

Dario Anghilante è nato nel 1947 a Sampeyre (Sant Peire in occitano) in Valle Varaita, una delle valli alpine nelle provincie di Torino, Cuneo e Imperia del territorio di lingua e e cultura occitana in Italia. Questo territorio non è altro che la continuazione a Est dell’area di lingua d’oc [...]

Sfoglia tutte le voci di Ulisse >>

E ‘l modo ancor m’offende

Uno spettacolo teatrale d’impegno civile sul grave problema del femminicidio e della violenza sulle donne, che non a caso prende le mosse dai versi di Dante dedicati a Francesca da Rimini e che si dipana attraverso il dialogo tra un professore un po’ eccentrico e una volonterosa signora che aspira a diventare docente di educazione all'affettività e all’uguaglianza di genere […]

Glottide

Si tratta del monologo “Glottide – Escursione semiseria nelle traduzioni della Divina Commedia, che è stato rappresentato negli ultimi anni più volte e in varie località

La Diritta Via

Si tratta dello spettacolo di teatro civile “La Diritta Via – La Costituzione e Dante Alighieri senza distinzioni di razza né lingua” di e con Giuliano Turone e, al pianoforte, Mirko Lodedo. Musiche originali di Mirko Lodedo. Regia di Enrico Messina.